News del 21-12-2015

Chiara e Martina presentano l'album


Leggi tutto

"Una storia importante" è il titolo dell’album di esordio delle gemelle Chiara e Martina Scarpari che, dopo il successo di Ti Lascio Una Canzone e la partecipazione al Junior Eurovision Song Contest, si preparano a conquistare il mercato discografico. Le quindicenni calabresi, domani, martedì 22 dicembre, presenteranno in anteprima, al Centro commerciale “Porto degli Ulivi”, a Rizziconi, la loro prima raccolta di successi prodotta dall’etichetta discografica Zelda Music e curata da una firma importante, della musica italiana, comeVince Tempera, produttore discografico del CD, insieme a Christian Cosentino, produttore artistico dell’album.

 

Per l’occasione, Chiara e Martina incontreranno giornalisti e fan nel corso di una conferenza stampa che avrà inizio alle ore 17.30 e che, oltre alla presenza delle giovani artiste, vedrà la partecipazione straordinaria di Vince Tempera e Christian. L’incontro sarà moderato dai giornalisti Tonino Raffa e Domenico Milani e vedrà la presenza, tra gli altri, anche di Natale Princi, da sempre vicino alle gemelle e ai loro successi. Una storia importante è una raccolta di 11 brani, un mix di cover e inediti firmati da importanti artisti del panorama musicale italiano. Tra gli inediti dell’album, presente anche il brano Viva, scritto appositamente per Chiara e Martina da Gigi d’Alessio, e con il quale le gemelle hanno rappresentato l’Italia al Junior Eurovision Song Contest, il 21 novembre scorso a Sofia, in Bulgaria.

 

Il nome dell’album porta il titolo del primo successo internazionale dell’artista italiano più conosciuto all’estero, “Una storia importante” di Eros Ramazzotti, a voler rimarcare la storia di due artiste che, a dispetto della giovane età, hanno già vissuto esperienze musicali importanti e calcato palcoscenici di grande rilievo, sia in Italia che all’estero, ma che non intendono fermarsi, bensì continuare a coltivare questa “Storia Importante”.

...


News del 24-11-2015

Chiara e Martina: orgogliose di aver rappresentato l'Italia


Leggi tutto

Nonostante la comprensibile delusione dovuta al poco brillante risultato ottenuto a Sofia dove, sabato scorso, hanno gareggiato in rappresentanza dell’Italia al “Junior Eurovision Song Contest 2015”, Chiara e Martina Scarpari dimostrano – con questa dichiarazione a caldo - di aver già “somatizzato e sopito” il primo mezzo passo falso del loro percorso artistico costellato, finora, da una serie di successi ottenuti in campo nazionale ed internazionale senza soluzione di continuità.

Da rilevare, comunque, che, a parte il risultato, le quindicenni gemelle calabresi di Varapodio – alla luce dei numerosi e lusinghieri commenti postati subito dopo la loro esibizione – hanno ancora una volta dato un significativo saggio delle loro eccellenti qualità canore interpretando, con la loro consueta bravura il brano “Viva” composto, per l’occasione, dal cantautore Gigi D’Alessio e Adriano Pennino. «Un’esperienza indescrivibile – tengono a precisare i loro più stretti collaboratori – che Chiara e Martina custodiranno gelosamente per sempre nei loro cuori a prescendere da qualsiasi altra cosa».

A trionfare in questa tredicesima edizione dello Junior Eurofestival (la più importante competizione canora internazionale dedicata ai ragazzi dai 10 ai 16 anni) è stata la concorrente di Malta Destiny Chukunyere, con il brano “Not my soul “(185 punti) , dopo un testa a testa con Milka, rappresentante dell’Armenia (176 punti).

Niente da fare, quindi, per Chiara e Martina che. evidentemente, non sono riuscite a fare breccia sulla vasta platea di telespettatori europei che con il televoto (unitamente al voto della giuria tecnica) hanno decretato la classifica finale. Solo a Malta, è il caso di rilevare, le gemelle hanno fatto il “pieno” di televoti mentre non hanno potuto contare sull’aiuto dei “vicini di casa” di San Marino che per l’Italia non hanno potuto votare. Un vero peccato, perché aggiungendo al loro “score” (34) quattro punti soltanto, si sarebbero portati a metà classifica anziché nei bassifondi dove sono state relegate, rendendo meno amara la sconfitta.

...


News del 21-11-2015

Stasera a Sofia Chiara e Martina provano a Scalare l'Europa


Leggi tutto

Vincitrici della selezione nazionale effettuata attraverso il popolare programma di Rai1 “Ti lascio una canzone”, Chiara e Martina Scarpari – le “gemelline” di Varapodio – rappresenteranno stasera l’Italia a Sofia nella finale  dello “Junior Eurovision Song Contest”, la più importante competizione  canora internazionale dedicata ai ragazzi dai 10 ai 16 anni. Una manifestazione che Rai Gulp trasmetterà  in diretta e in eurovisione  dalla Bulgaria a partire dalle 19,30 fino alle 22,00.
Oltre alle gemelle, a contendersi e “lottare” per  il prestigioso titolo continentale gareggeranno altri 16 concorrenti in rappresentanza di altrettante nazioni europee,  tranne uno che difenderà i colori dell’Australia, al suo esordio nella manifestazione. Chiara e Martina, secondo il “running order” stabilito dal sorteggio, si esibiranno subito dopo   i “rivali” di Serbia, Georgia e Slovenia. Secondo il regolamento gli spettatori e il pubblico da casa può televotare, rispettivamente,  solo per i concorrenti non appartenenti alla propria nazione. 
Per l’occasione, la direzione di Rai Gulp ha nominato “vocal coach”, Christian Cosentino,  loro “mentore” e maestro.
Il “pass” per Sofia, è il caso di ricordare, le due giovani (15 anni) e bravissime artiste calabresi l’hanno acquisito grazie  alle vittorie “generate” dalla marea di consensi ottenuti da tutt’Italia, attraverso il televoto, nella doppia “sfida”  andata in onda a settembre nel corso del talent show condotto in prima serata da Antonella Clerici. Nell’occasione, si sono nettamente affermate -  grazie  alle loro eccezionali qualità canore – proponendo con estrema bravura il brano “Una ragione di più” scritto, a suo tempo,  dal loro illustre corregionale Mino Reitano per Ornella Vanoni.
A Sofia – dove  Chiara e Martina si trovano già da oltre una settimana -  interpreteranno la canzone “Viva”,  composta dal noto cantautore Gigi D’Alessio e da Adriano Pennino.
Il  loro soggiorno in Bulgaria – secondo quanto emerge dai social network dove vantano migliaia di “followers” – si sta rivelando piacevole  grazie, soprattutto,  alla calda e straordinaria  accoglienza ricevuta dagli organizzatori della manifestazione. << Un soggiorno alquanto gradevole – riferiscono da Sofia le gemelle -  nonostante le “fatiche” dovute ad un  calendario  denso di impegni tra prove, serate di gala, conferenze stampa, interviste  e  varie visite nella Capitale in luoghi di grande interesse culturale>>.
Prima di partire, Chiara e Martina avevano avuto modo di dichiarare che << Non vediamo l’ora di arrivare a Sofia;  sappiamo che c’è tanta gente che vuole  conoscerci e abbiamo già sentito molti italiani che vivono in Bulgaria: faranno tutti il tifo per noi. Ci sentiamo addosso una grande responsabilità ma non ci pensiamo troppo, vogliamo principalmente divertirci, facendo quello che ci piace di più e ci riesce meglio…cantare>>
A sostenerle con la loro presenza  in questa grande “avventura” che può dare una svolta estremamente importante alla loro già brillante, seppure breve, carriera ci sono, in primis, i genitori (papà Rocco e mamma Mimma) e, come sempre, il loro inseparabile amico e  direttore artistico Natale Princi.  
...


News del 12-10-2015

Chiara e Martina allo Jesc. Anteprima di "Viva"


Leggi tutto

ASCOLTA  

 

Ecco “Viva”, la canzone di Chiara e Martina Scarpari per lo Junior Eurovision 2015

Viva“, la canzone che Chiara e Martina Scarpari canteranno in rappresentanza dell’Italia al prossimo Junior Eurovision Song Contest, che si svolgerà, vale ricordarlo, il 21 novembre alle ore 19 italiane alla Aarmec Arena di Sofia. Si tratta di una canzone scritta e composta da Gigi D’Alessio, a cui le ragazze hanno partecipato nel testo.

Per il momento è stata diffusa soltanto la traccia audio mentre per quanto riguarda il video ufficiale ci sarà ancora da aspettare qualche giorno.  Le gemelle calabresi hanno inciso la canzone a Roma sotto la direzione artistica del maestro Leonardo De Amicis, che sarà a capo anche della loro performance sul palco della manifestazione in terra bulgara.

Ancora nessuna notizia invece, sul fronte della Repubblica di San Marino, che ha annunciato la partecipazione ma non ancora l’artista, nè la canzone. In questi giorni inoltre è in corso di svolgimento il concorso nazionale irlandese che segnerà il debutto del Trifoglio allo Junior Eurovision, con una canzone in lingua gaelica irlandese.

 

...


News del 09-10-2015

Corriere Locride: intervista escusiva a Chiara e Martina.<< Aspettatevi tante sorprese nei prossimi mesi>>


Leggi tutto

Chiara e Martina Scarpari, le gemelle di Varapodio, sono pronte per partire alla volta di Sofia, in Bulgaria, dove rappresenteranno l’Italia allo Junior Eurovision Song Contest 2015. Per le giovani cantanti calabresi sono giorni frenetici ed impegnativi fatti di viaggi in giro per il mondo e di studio, stesura e registrazione del brano di Gigi d’Alessio che porteranno il 21 novembre alla kermesse canora europea. In questa intervista le due gemelle 15enni calabresi vincitrici nel programma trasmesso in prime time su Rai Uno, “Ti  lascio una canzone”, lo scorso 19 settembre, ci raccontano la loro esperienza di vita di giovani talenti emergenti tra la freschezza dei sogni fatta di sacrificio, studio e dalla passione, sin da piccoline, per il canto. In Calabria c’è un legame di territorialità molto forte, un grande senso di appartenenza, e Chiara e Martina sono la testimonianza lampante di una Regione che vuole dar voce e dare la possibilità a tutti i giovani talenti di emergere e far conoscere al mondo le tante facce belle della nostra terra.

In tv vi abbiamo spesso viste cantare grandi pezzi fra i più classici, canzoni nate tanti anni prima di voi, i vostri coetanei però cantano soprattutto alti generi come il rap, passando fra un brano degli One Direction e Emma, chi sono i vostri idoli?

Ascoltiamo diversi generi musicali, non abbiamo uno standard rigido. Ci piacciono molti i brani che ci chiedono di cantare, hanno fatto la storia della musica leggera italiana, anche se poi ascoltiamo quasi sempre musica contemporanea, in particolare abbiamo un debole per Christina Aguilera e Marco Mengoni.

Dopo aver concluso la vostra avventura, lo scorso anno, di ‘Ti lascio una canzone’ e dopo aver intrapreso la vostra vera carriera professionale da cantanti con numerosi concerti e premi su tutto il territorio nazionale, avete rappresentato l’Italia alla rassegna musicale internazionale che ogni anno si svolge in Crimea, piazzandovi al secondo posto. Quali sensazioni avete provato nel dover rappresentare il nostro Paese in una manifestazione di così grande reputazione?

Quella è stata senza dubbio l’esperienza più bella che abbiamo fatto finora, abbiamo conosciuto un sacco di gente e ci hanno trattato come dei professionisti. Il pubblico era calorosissimo. Sapevamo di avere una grossa responsabilità perché rappresentavamo la nostra nazione ma abbiamo cercato di non pensarci troppo, è stato un consiglio che ci hanno trasmesso in tanti. Abbiamo pensato alla nostra gara, come sempre, e abbiamo cercato di mettercela tutta. Alla fine diciamo che ha funzionato.

Che rapporto avete con i vostri fan vecchi e nuovi? Il successo vi ha cambiate nel carattere, nel vivere le giornate e ha modificato il rapporto con i vostri compagni di scuola e di strada?

Quando ci dicono che abbiamo dei fan veniamo assalite dall’imbarazzo. Siamo state invase di affetto negli ultimi mesi e questo ci rende felici, vorremmo ricambiare tutte queste attenzioni e quindi cerchiamo sempre di essere disponibili con tutti. Non pensiamo di essere cambiate anche se gli impegni ci hanno sottratto un po’ di tempo che prima passavamo con gli amici, ma loro questo lo sanno e cercano di non dare importanza al fatto che ogni tanto siamo costrette a trascurarli.

Due sabato di fibrillazione per voi: prima la vittoria, poi l’annullamento del televoto e poi la vittoria, quella di sabato scorso (19 settembre ndr), definitiva che vi consente di partecipare allo Junior Eurovision Song Contest 2015, come avete vissuto questi momenti?

Vincere è stato bellissimo, ma dovevamo farlo nel modo più limpido possibile, era giusto che il nostro avversario avesse la sua occasione e non è stato un grosso sacrificio rimetterci in gioco. L’importante per noi è cantare e non poteva essere un problema se ci avevano chiesto di rifarlo. Rivincere però è stato veramente emozionante, una sensazione che non sapremmo descrivere.

Con quale brano gareggerete alla finale della competizione europea del 21 novembre in Bulgaria a Sofia? Come vi state preparando per questa esperienza?

Il brano che porteremo al JESC si intitola “Viva” ed è stato scritto con la collaborazione di Gigi D’Alessio, è un pezzo che parla delle ansie e delle emozioni tipiche della nostra età. In Bulgaria porteremo sicuramente tantissimo entusiasmo, dopo le esperienze in Crimea e Russia sappiamo già che ci divertiremo molto. Non vediamo l’ora di partire.

Chiudiamo l’intervista augurandovi di cuore un futuro pieno di successi e vi chiediamo a di dirci una persona a cui dovete dire il vostro grazie più grande e quali sono stati gli obbiettivi fin qui raggiunti, se avete in programma nuovi album e che progetti avete per il futuro?

Dobbiamo ringraziare soprattutto i nostri genitori, sono sempre loro quelli che si sacrificano di più per venirci dietro. Un ringraziamento dobbiamo farlo anche al nostro maestro Christian Cosentino e al nostro manager Natale Princi, loro ci seguono ovunque e ormai fanno parte della nostra famiglia, sono persone veramente importanti. Per quanto riguarda il nostro futuro non possiamo anticipare nulla, ma sicuramente aspettatevi delle sorprese nei prossimi mesi, adesso pensiamo solo a far bene al JESC.

Un saluto a tutti i lettori del Corriere della Locride e grazie per il sostegno che ci fate sentire sempre.

...
Leggi TUTTE le news